Fiducia al nuovo Governo, per il bene del Paese, nonostante le differenze

Oggi anche il Senato - e quindi anche il sottoscritto - è chiamato ad esprimere la fiducia al nuovo Governo, nato dall’accordo politico e parlamentare fra M5S e PD (a

Un nuovo Governo, un Governo di svolta

E dunque questo Governo di svolta si farà. Dopo 27 giorni dall’avvio della crisi del Governo M5S-Lega, scatenata da Matteo Salvini l’indomani del voto in Senato sulla TAV, dopo aver

Termina il peggior Governo nella storia della Repubblica

Il Presidente del Consiglio Conte, con le proprie parole nell’Aula del Senato, ha certificato la fine del Governo populista e sovranista M5S-Lega; ha certificato che i fatti accaduti in queste

Elezioni europee: le mie preferenze

In questi ultimi giorni ho ricevuto diverse telefonate e numerosi messaggi con i quali mi si chiede un suggerimento per le preferenze alle elezioni europee di domenica 26 maggio. Queste elezioni sono molto importanti: determineranno il futuro dell’Unione europea (andare avanti, tornare indietro, dissolversi?) e quindi anche quello del nostro Paese. Nelle liste del PD, e in particolare quella della nostra circoscrizione nord-ovest, sono molti i nomi che meritano sostegno, ma si possono esprimere fino ad una massimo di tre preferenze. Questa la mia scelta e – se non hai già preso decisioni in merito – il mio suggerimento per il voto di domenica:
IRENE TINAGLI, brillante giovane economista e ricercatrice, esperta di innovazione, valorizzazione del capitale umano e sviluppo regionale, già parlamentare nella scorsa legislatura, durante la quale ha seguito i temi del lavoro. È la mia scelta per sostenere l‘innovazione e il riformismo.
PATRIZIA TOIA, capo delegazione PD al Parlamento europeo, ha grande esperienza ed ha maturato una riconosciuta competenza, che le ha permesso di conseguire importanti risultati su numerosi dossier. È la mia scelta per sostenere la serietà e la credibilità.
CARMINE PACENTE, giovane Consigliere comunale di Milano, professionalmente esperto di politiche e fondi europei per la coesione territoriale. È la mia scelta per sostenere la compeneza e il rinnovamento.

Queste sono dunque le mie scelte; altri nomi validi, che stimo, e che meritano sostegno, sono quelli di Giuliano Pisapia (capolista nella nostra circoscrizione, persona che con le sue doti e la sua capacità nel 2011 ha saputo riconquistare Milano al centrosinistra, guidandola come Sindaco con saggezza e lungimiranza; grazie alla sua fiducia tra il 2014 e il 2016 ho svolto il ruolo di vice Sindaco della Città Metropolitana di Milano), Enrico Morando (esponente liberaldemocratico, già vice Ministro all’Economia nei Governi Renzi e Gentiloni), Brando Benifei (giovane e brillante europarlamentare uscente), Caterina Avanza (è la candidata “prestata” da En Marche di Macron alle liste del PD), Pierfrancesco Majorino (Assessore prima di Giuliano Pisapia e ora di Beppe Sala a Milano, è impegnato con passione sui temi dell’accoglienza).

Votare è importante e bisogna esercitare questo diritto con coscienza e consapevolezza: leggi i programmi dei partiti e le proposte dei candidati, informati sulle loro biografie e il loro impegno, scegli in base alle tue sensibilità politiche. Ma scegli e scrivi sulla scheda le tue preferenze!

Per votare bisogna tracciare una croce sul simbolo della lista prescelta. Si possono esprimere fino a tre preferenze, con l’avvertenza che, se si decide di votare per più di un candidato, almeno uno sia di sesso differente (diversamente le preferenze vengono annullate).

 

Ti potrebbe interessare anche...

Eugenio

Post A Reply